[2/4] "Giovani Città - Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile" Stampa
Venerdì 26 Marzo 2010 01:00

Indice Progetti | Attività Sociali
  Descrizione     Attività     Info     Partners  

 
 
Progetto
"Giovani Città - Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile"
www.giovanicitta.it
 

 

Il progetto si compone di quattro azioni dirette ad intercettare tutto il sistema giovanile, nella convinzione che un intervento diretto a proporre nuove sollecitazioni e stimoli di crescita non possa prescindere dal coinvolgere il mondo con cui il giovane stesso interagisce quotidianamente. In particolare il target di progetto è costituito da:

  • I° FASCIA: 14 -18 ANNI
  • II° FASCIA: 18 - 24 ANNI

La strategia di progetto prevede che gli interventi, partendo dai giovani, coinvolgeranno anche il sistema genitoriale e le famiglie, tenuto conto del contributo che tale coinvolgimento potrà dare a nuove dinamiche relazionali.


Particolare attenzione dovrà essere prestata ai:

  • giovani ad alto rischio di emarginazione e di devianza sociale;
  • drop out con esigenze di reinserimento nel sistema formativo;
  • giovani che avvertono esigenze di inserimento immediato nel mondo del lavoro;
  • soggetti socialmente svantaggiati, con specifico riferimento ai disabili, alle donne e ai migranti che costituiscono una quota non indifferente della popolazione nei territori interessati dal progetto.

Le attività di confronto e le attività di dibattito seminariali si rivolgeranno in maniera aperta, in modo da raggiungere una platea quanto più vasta possibile. Complessivamente si ritiene di poter raggiungere un numero complessivo di giovani compreso tra 1.000 e 1.500.


Attraverso la rete di scuole, che verrà a costituirsi nell'ambito dell'accordo a partire da quelle attive nel partenariato progettuale, si realizzeranno le azioni laboratoriali rivolte, in particolare, alla fascia di giovani di età compresa tra i 14 ed i 18 anni, garantendo ampia partecipazione ai giovani migranti di seconda generazione.


L'esperienza della partnership nell'ambito del settore, ed in special modo dell'Associazione Culturale Acuarinto di Agrigento (che vanta esperienza decennale) nonché dell'Associazione Culturale Cometa di Agrigento (organizzazione formata da una compagine sociale multiculturale con prevalenza di giovani discendenti di migranti con competenze specifiche nel settore dell'accoglienza e dell'integrazione) garantirà un ampio e partecipato coinvolgimento dei beneficiari individuati.


Tutte le azioni di confronto verranno svolte con il coinvolgimento fondamentale delle istituzioni presenti nel territorio.


Azione 1 - Promozione della creatività giovanile per favorire un maggior protagonismo sociale

Obiettivi operativi

  • Potenziare l'offerta di servizi ed interventi rivolti ai giovani per il buon uso del tempo libero, sostenendo la realizzazione di spazi e luoghi destinati all'espressione della creatività, allo sviluppo delle abilità e dei talenti giovanili;
  • Valorizzare e promuovere i giovani come risorsa del territorio e sviluppare le potenzialità giovanili;
  • Sostenere lo sviluppo di competenze relazionali, informatiche, linguistiche, cognitive etc. per favorire la crescita socio-culturale dei ragazzi;
  • Promuovere la partecipazione attiva dei giovani ad eventi artistico-culturali, ad attività ludico-ricreative, volte a potenziare il loro patrimonio di conoscenze, competenze e abilità;


Attività

Il principio ispiratore delle attività proposte consiste nella esigenza di riconoscere in maniera irreversibile il giusto spazio al talento, al merito, alle capacità ed alla forza delle giovani generazioni per fare dei giovani il principale elemento di trasformazione della realtà sociale in cui vive e partecipa. Ringiovanire la società civile significa poggiare su basi più solide ed eque il suo futuro, sbloccare le sue potenzialità e renderla più dinamica e competitiva. I laboratori sperimentano direttamente, attraverso i temi dell'arte e del protagonismo nei campi più vicini ai giovani, le abilità e le attitudini e attraverso i diversi laboratori realizzeranno conoscenze e conoscenza della loro potenzialità di modificare se stessi e l'ambito sociale in cui vivono.


La promozione della creatività giovanile per favorire un maggior protagonismo sociale verrà perseguita attraverso le seguenti attività:

  1. Formazione e aggiornamento operatori coinvolti (Azione propedeutica)
  2. Laboratori Artistici: "Educare all'arte"
  3. "Network Helios" - Redazione Giornalistica Pluriculturale
  4. Accompagnamento alla costituzione di un'Associazione


Destinatari

Ai fini della realizzazione del progetto si distinguono destinatari intermedi e destinatari finali del progetto.

  • I destinatari intermedi sono coloro che svolgeranno mansioni di attori coordinatori del processo; dai formatori, ai tutor, compresi gli operatori. Sono soggetti che ancor prima di intraprendere le attività loro assegnate, devono prendere coscienza della sfida che si pone davanti, acquisendo quindi le conoscenze e competenze necessarie e propedeutiche alla corretta conduzione delle attività.
  • I destinatari finali sono i giovani, distribuiti nelle fasce di età 14-18 anni e 18-24 anni, che partecipano attivamente al progetto, essendo anche i veri beneficiari delle attività realizzate. Si prevede di coinvolgere un numero non inferiore a 250 giovani nonché gli adulti che, a diverso livello, parteciperanno attivamente all'azione. Almeno la metà dei destinatari coinvolti sarà di sesso femminile. Attraverso il contributo dei partner progettuali sarà garantita la partecipazione alle attività di giovani immigrati di 2° generazione.

Con particolare riferimento alle attività previste nell'Azione 1 saranno coinvolti:

  • "Educare all'arte": I FASCIA: Giovani tra i 14 e i 18 anni
  • "Network Helios" - Redazione Giornalistica Pluriculturale: I FASCIA: Giovani tra i 14 e i 18 anni
  • "Accompagnamento alla costituzione di un'Associazione": I FASCIA: Giovani tra i 14 e i 18 anni; II FASCIA: Giovani tra i 18 e i 24 anni

 

Azione 2 - Promozione di stili di vita sani e modelli positivi di comportamento

Obiettivi operativi

  • Promuovere la partecipazione attiva e il protagonismo giovanile tramite il supporto a processi di cittadinanza attiva e l'assunzione di una coscienza dei relativi diritti e doveri a livello individuale e collettivo;
  • Sviluppare azioni volte ad arginare il fenomeno della dispersione scolastica, di dipendenze da alcol e droghe;
  • Sviluppare sensibilità volte al riconoscimento del fenomeno mafioso ed incrementare le prassi di lotta attiva e di modificazione culturale;
  • Favorire l'acquisizione dei concetti di educazione civica, educazione alla legalità ed all'antimafia e la conoscenza della legislazione in materia di immigrazione


Attività

Le attività previste nell'Azione 2 sono coerenti con il Programma Nazionale di Riforma adottato in conseguenza dell'impegno al raggiungimento degli Obiettivi di Lisbona e ne rappresentano, nell'ambito del metodo di coordinamento compartecipativo aperto al territorio, una applicazione diretta. Partendo pertanto dal "Il Libro Bianco della Commissione Europea" e dal "Programma Gioventù in Azione per il periodo 2007-2013", le attività proposte intendono svilupparne in concreto gli obiettivi operativi.


Le attività che si intendono realizzare sono:

  1. Formazione e aggiornamento operatori coinvolti (Azione propedeutica)
  2. Laboratorio interattivo "cittadini del mondo"
  3. Attività seminariali - Assemblee aperte
  4. Laboratorio cinematografico


Destinatari

Tra i destinatari dell'Azione 2 si distinguono destinatari intermedi, società civile e destinatari finali.

  • I destinatari intermedi sono coloro che svolgeranno mansioni di attori coordinatori del processo; dai formatori, ai tutor, compresi gli operatori. Sono soggetti che ancor prima di intraprendere le attività loro assegnate, devono prendere coscienza della sfida che si pone davanti, acquisendo quindi le conoscenze e competenze propedeutiche e necessarie alla corretta conduzione delle attività.
  • Le azioni seminariali, in particolare, potranno essere aperte alla partecipazione generale della società civile. In tal modo si dà la possibilità a tutti di approcciare il tema trattato.
  • I destinatari finali sono i giovani, distribuiti nelle fasce di età 14-18 anni e 18-24 anni, che partecipano attivamente al progetto, essendo anche i principali beneficiari delle attività realizzate.

Si prevede di coinvolgere un numero non inferiore a 100 giovani nonchè soggetti adulti che, a diverso livello, parteciperanno attivamente all'Azione.


Azione 3 - Promozione di stili di vita sani e modelli positivi di comportamento (Azione 3-Salute e benessere. La vita mi appartiene)

Obiettivi operativi

Promuovere l'adozione di stili di vita sani, potenziando le attività di prevenzione dei rischi connessi all'assunzione di droghe, all'abuso di sostanze alcoliche o ad abitudini alimentari errate o a comportamenti auto-lesionistici;

  • Promuovere la pratica sportiva e diffondere valori e regole connessi allo sport, per favorire uno stile di vita corretto;
  • Educare le nuove generazioni ad un consumo sostenibile e al rispetto dell'ambiente naturale;
  • Sostenere, attraverso la pratica sportiva, processi di inclusione sociale dei giovani al fine di costruire una società più integrata.

Attività

L'attività proposta mira ad una campagna informativa e di sensibilizzazione per diffondere la conoscenza dei 4 principali fattori di rischio per la salute, secondo quanto comunicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • malnutrizione;
  • fumo di tabacco;
  • abuso di alcol;
  • scarsa attività fisica;

Il risultato atteso è quello di una consapevolezza nei giovani che ciascuno è responsabile delle proprie scelte, nonchè un cambiamento di opinione e di comportamento che permetta di esaltare i benefici che la corretta assunzione di alimenti associata all'attività fisica produce in coerenza con il Programma Quadro Nazionale "Guadagnare Salute: rendere facili le scelte salutari".


La promozione di stili di vita sani e modelli positivi di comportamento verrà realizzata attraverso le seguenti attività:

  • Formazione e aggiornamento operatori coinvolti (Azione propedeutica)
  • Ciclo Convegni "Stili di vita salutari: educazione, informazione e comunicazione"
  • Laboratorio di educazione alimentare e cucina territoriale
  • "Gazebo informativi e di sensibilizzazione" nei luoghi di aggregazione dei giovani
  • Laboratorio di animazione sportiva "Mini Olimpiadi Helios"


Destinatari

Si distinguono destinatari intermedi e destinatari finali del progetto.

  • I destinatari intermedi sono coloro che svolgeranno mansioni di attori coordinatori del processo; dai formatori, ai tutor, compresi gli operatori. Sono soggetti che ancor prima di intraprendere le attività loro assegnate, devono prendere coscienza della sfida che si pone davanti, acquisendo quindi le conoscenze e competenze necessarie e propedeutiche alla corretta conduzione delle attività.
  • I destinatari finali sono i giovani, distribuiti nelle fasce di età 14-18 anni e 18-24 anni, che partecipano attivamente al progetto, essendo anche i principali beneficiari delle attività realizzate.

Si prevede di coinvolgere un numero non inferiore a 200 giovani di fasce diverse di età e adulti che, a diverso livello, parteciperanno attivamente all'azione.


Azione 4 - Promozione della cultura dell'accoglienza e della multiculturalità Una finestra sul mondo. La ricchezza della multiculturalità

Obiettivi operativi

Favorire l'acquisizione dei concetti di educazione civica, educazione alla legalità ed all'antimafia in particolare nell'ambito delle migrazioni;

  • Favorire i contatti fra i giovani appartenenti a culture diverse e stimolare lo scambio di esperienze e il confronto positivo nell'ottica della interculturalità, della cooperazione, della solidarietà e del rispetto reciproco;
  • Favorire l'integrazione sociale dei giovani migranti.


Attività

Le attività previste nell'Azione 4 sono coerenti con il Programma Nazionale di Riforma adottato in conseguenza dell'impegno al raggiungimento degli Obiettivi di Lisbona e ne rappresentano, nell'ambito del metodo di coordinamento compartecipativo aperto al territorio, una applicazione diretta. Partendo, pertanto, dal "Il Libro Bianco della Commissione Europea" e dal "Programma Gioventù in Azione per il periodo 2007-2013", le attività proposte intendono svilupparne in concreto gli obiettivi operativi.


L'idea progettuale è quella di realizzare azioni di sensibilizzazione e di confronto tra giovani di diverse appartenenze culturali, geografiche, religiose, etc., nonché di sperimentare laboratori multiculturali gestiti dai giovani, supportando in tal modo lo sviluppo del confronto attraverso la creazione di spazi fisici specificamente dedicati.


La promozione della cultura dell'accoglienza e della multiculturalità verrà realizzata attraverso le seguenti attività:

  1. Incontri e tavole rotonde a tema nelle scuole
  2. Visite guidate nei centri storici, finalizzate alla conoscenza dei beni delle città
  3. Realizzazione di un Centro interculturale


Le attività previste hanno lo con lo scopo di mettere in campo una serie di iniziative finalizzate alla comunicazione e alla comprensione tra soggetti di lingue e culture diverse nelle forme più disparate: letture, convegni, seminari, laboratori, scambi multiculturali e gemellaggi fra i giovani del territorio, manifestazioni artistiche, corsi di formazione ed altre attività. Le modalità di svolgimento delle attività saranno le seguenti:

 

Destinatari

Si distinguono destinatari intermedi e destinatari finali del progetto.

  • I destinatari intermedi sono coloro che svolgeranno mansioni di attori coordinatori del processo; dai formatori, ai tutor, compresi gli operatori. Sono soggetti che ancor prima di intraprendere le attività loro assegnate, devono prendere coscienza della sfida che si pone davanti, acquisendo quindi le conoscenze e competenze necessarie e propedeutiche alla corretta conduzione delle attività.
  • I destinatari finali sono i giovani, distribuiti nelle fasce di età 14-18 anni e 18-24 anni, che partecipano attivamente al progetto, essendo anche i principali beneficiari delle attività realizzate.


Si prevede di coinvolgere un numero non inferiore a 50 giovani di fasce diverse di età e adulti che, a diverso livello, parteciperanno attivamente all'azione. Sarà garantita la partecipazione in tutte le attività di giovani migranti di 2° generazione.