[1/1] Il Distretto Culturale di Sant’Anna alla Misericordia


Indice Archivio Progetti | Progetti 2007
  Descrizione      Attività      Info      Partners  

 

 

 

ACRI SVILUPPO SUD
un progetto delle fondazioni di origine bancaria per la realizzazione di distretti culturali

Il Distretto Culturale di Sant’Anna alla Misericordia

 

 


 

Descrizione
Il Comune di Palermo ha recentemente inaugurato la nuova sede della Galleria d’Arte Moderna, trasferita presso il complesso di sant’Anna alla Misericordia.
Perché il nuovo contenitore diventi realmente un’occasione di sviluppo è però necessario, da un lato, che questo si doti dei più moderni servizi che ne accrescano le possibilità di fruibilità e di accessibilità, dall’altro che questo dialoghi con il territorio, creando una serie di percorsi attrezzati che da Sant’Anna si diramino sul territorio.
Una parte del progetto sarà quindi dedicata alla creazione di strumenti innovativi per rendere più attraente l’offerta della Galleria. Questo progetto di comunicazione sarà attuato attraverso strumenti differenziati, che risponderanno ad un unico piano di comunicazione e ad un progetto scientifico unitario.
La nuova Galleria, le sue collezioni ed i percorsi sul territorio con la nuova offerta di servizi saranno promossi attraverso un prodotto multimediale, un sito web ed una collana di guide cartacee.
La collocazione della Galleria (si affaccia su piazza Croce dei Vespri e gira lungo vicolo dei Corrieri, ad angolo con piazza Aragona. Una zona che è ideale prosecuzione di via Alloro, e che giunge fino al quartiere della Kalsa; a pochi metri, sul lato occidentale, si trova la chiesa di San Francesco d’Assisi; mentre su quello orientale, si arriva al Teatro Santa Cecilia e a piazza Rivoluzione) la rende centro strategico per la fruizione dei beni di Palermo ed anche un punto nodale nel generale progetto di riqualificazione del centro storico.
Il primo gruppo di beni verso cui si sperimenterà l’integrazione con il Museo, attraverso prodotti comunicativi e servizi, è rappresentato dai Tesori della Loggia. Si tratta di cinque gioielli architettonici (l’Oratorio del Rosario in San Domenico, la Chiesa di San Giorgio dei Genovesi, l’ Oratorio del Rosario in Santa Cita, la Chiesa di Santa Maria di Valverde) ubicati, in un raggio di trecento metri, nel centro storico tra la via Roma e il mare, in una zona facilmente raggiungibile sia dai trasporti pubblici che da quelli privati e con una buona presenza di alberghi, bar e ristoranti di tutte le fasce qualitative.

Obiettivi
Il progetto del Distretto di S. Anna dovrà soddisfare i seguenti bisogni:

-ampliare il dialogo con il territorio, coinvolgendo un pubblico differenziato nella sua tipologia; il bene culturale, manifestazione della civiltà di un popolo in tutte le sue forme, non deve essere considerato un “capitale statico”, ma deve essere a disposizione della fruizione quotidiana coinvolgendo strati ampi e differenziati di pubblico.

-attrezzare il distretto di Sant’Anna come punto nodale tra i beni culturali e le attività del territorio. La visita al museo, non deve essere un momento isolato, ma l’occasione per stabilire una connessione con il territorio circostante.

-dotare il nuovo Polo museale di servizi moderni che permettano visite prolungate e con appetibilità per pubblici diversificati.

-dotare il museo di una linea di merchandising specifica che promuovendo il nuovo museo costituisca anche occasione di ritorno finanziario per l’autofinanziamento del museo e l’ampliamento delle attività svolte;

Modalità di realizzazione dell’intervento
La realizzazione delle attività individuate nel progetto vedranno la partecipazione di tutti i partner aderenti (Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo,Civita Servizi, Campodivolo, Associazione Centro Studi Aurora Onlus, Centro S. Mamiliano, Confcommercio i quali saranno coinvolti ognuno nel rispetto delle specifiche competenze e delle esperienze maturate nelle attività individuate.

Gli Interventi

– Centro servizi
Il Museo destinerà al Centro Servizi del Distretto culturale alcuni spazi ad hoc sia per l’accoglienza del pubblico che per le attività interne, che fornirà tutte le informazioni necessarie relative ai contenitori che rientreranno nel sistema (come si arriva, orari di apertura, costi dei biglietti, prenotazioni per la visita di più musei che prevedano l’acquisto di biglietti cumulativi e scontati, ecc.), visite guidate con personale qualificato e multilingue, guide cartacee, depliant informativi e mappe riportanti la distribuzione dei musei e degli altri siti di interesse sul territorio

– Predisposizione di una nuova offerta di servizi
Questo intervento si articola in
a) didattica museale e del territorio (l’’offerta didattica si rivolge ai giovani e agli adulti residenti nella regione Sicilia e ai segmenti del turismo culturale, scolastico, sociale e della terza età. Per ogni target verrà progettata e realizzata un’offerta di servizi dedicata)

b) eventi (l’obiettivo è quello di far diventare il Distretto un grande attrattore di cultura non solo per il rilievo dei beni e delle opere d’arte che esso custodisce, ma anche perché diventa il luogo diffuso dell’eccellenza culturale. Si prevede di organizzare iniziative che si ripetono regolarmente di anno in anno La nuova dimensione, scientifica e strutturale, della Galleria d’Arte Moderna consentirà di organizzare iniziative di scambio con altri musei d’arte moderna sia in termini di confronto tra le rispettive collezioni sia in termini di confronto tra studiosi

– Prodotto multimediale
Le nuove tecnologie informatiche consentono la messa in relazione delle informazioni e il loro uso diversificato per una molteplicità di target e con obiettivi differenziati. In linea di massima è possibile oggi realizzare, impiegando diverse tecnologie, dei veri e propri musei virtuali. Questi non possono in nessun modo sostituire la visione degli oggetti reali, ma ne possono da un lato incoraggiare la visione e, dall’altro, sostenere la comprensione e lo studio
Si è pensato alla realizzazione di un DVD Video, un formato comunicativo filmico, che fornisca in chiave narrativa i contenuti salienti per la comprensione generale del contesto del paesaggio urbano e del territorio esaltando la connettività fra i beni ed approfondendo brevemente i beni interessati dal progetto

– Sito web del Museo e del Distretto
La realizzazione di un sistema informativo consente di rendere disponibili altri servizi di importanza fondamentale per la valorizzazione di una rete di siti culturali quali, ad esempio, informazioni sull’accessibilità del bene (localizzazione, raggiungibilità, orari, recapiti telefonici) o i servizi disponibili (prenotazione, bigliettazione, guardaroba, visite guidate o audio guide, bookshop, servizi di ristoro).
Nel sito si potranno progettare aree dedicate a due gruppi di utenza.
Il primo può essere per grandi linee così definito:

  • Utenti fruitori e fornitori di informazioni:
    • siti e musei che intendano condividere informazioni attraverso un unico sito;
    • amministrazioni pubbliche, nonché loro organi, interessati alla gestione di servizi informativi turistico-culturali;
  • Utenti consumatori:
    • esperti e studiosi;
    • turismo culturale, italiano e straniero, che mira al reperimento sul web di informazioni turistiche e culturali;
    • scuole;
    • operatori turistici.

– Guide cartacee sugli oratori e sulla Galleria
La Guida cartacea tradizionale rappresenta un veicolo di grande capacità comunicativa, in grado di rendere visibile il territorio come unita. Si presterà attenzione, allo stesso tempo, a rendere la guida informativa chiara, ma anche piacevole, capace cioè di creare delle aspettative sui siti meno noti

– Creazione itinerari a raggiera: progetto pilota “I Tesori della Loggia”
Il Distretto culturale intende integrare al nucleo culturale centrale rappresentato dal Sant’Anna altri importanti segmenti del patrimonio storico artistico della città. Il progetto prevede un’iniziativa pilota che coinvolge I Tesori della Loggia, chiese ed oratori di un antico quartiere del centro storico della città che conservano straordinarie testimonianze di Palermo dal Cinquecento al Settecento e che consentono di raccontarne la storia attraverso la visita di luoghi affascinanti e l’ammirazione di opere d’arte uniche.

– Predisposizione di merchandising
 L’obiettivo è la messa a punto di prototipi per la realizzazione di riproduzioni di oggetti d’arte decorativa e di artigianato artistico di alto standard qualitativo (oggetti ispirati al settore di specializzazione del museo e degli Oratori, ai materiali in esposizione, articoli contrassegnati dal logo dell’istituzione, riproduzioni di opere d’arte, oggetti progettati da designer o decorati da artisti, calchi artistici, ecc.) finalizzata alla realizzazione dei servizi di produzione e di vendita di prodotti legati all’immagine del patrimonio culturale ed artistico del Distretto.
L’obiettivo sarà perseguito attraverso l’attivazione una rete di collaborazioni con soggetti interessati (artisti/artigiani) per la realizzazione di un laboratorio diffuso sul territorio.
L’obiettivo trasversale è di sostenere le aziende artigiane e gli artisti del territorio e aiutarli nello sviluppo della loro produzione, mediante la commercializzazione nei poli culturali individuati dal Distretto di oggetti di qualità dell’artigianato artistico tradizionale.

 

 

Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato sulle nostre novità!

Cliccando sul tasto “ISCRIVITI” accetti di ricevere la nostra newsletter (Leggi l’informativa completa). Potrai disiscriverti in ogni momento cliccando sul link presente in fondo alla newsletter che ti invieremo.

Via San Marco, 105
90017 Santa Flavia (PA)
C.F. 90002140821
P.I. 04204660825

Codici meccanografici

Codici meccanografici
Bagheria:
PACF16900L
PACF251008

Codice meccanografico
Barcellona Pozzo di Gotto:
MECF03600B

Bagheria | Seguici su

Barcellona P.G. | Seguici su


© 2022 Associazione Centro Studi Aurora ETS. Tutti i diritti riservati.

Privacy Policy

Powered by EffeGrafica.it